Nessuna sanzione per il cane senza museruola - Comune di Pero (MI)

archivio notizie - Comune di Pero (MI)

Nessuna sanzione per il cane senza museruola

 
Nessuna sanzione per il cane senza museruola

NESSUNA SANZIONE PER IL CANE SENZA MUSERUOLA, LA NOTIZIA FALSA CIRCOLATA SU 'SEI DI PERO SE...' E 'SEI DI CERCHIATE SE...'

Il Sindaco Maria Rosa Belotti: “Invito i cittadini a collaborare con la Polizia locale, pubblicare post non veritieri o diffamatori sui social è gravissimo”

Nessuno è stato sanzionato perché il suo cane non aveva la museruola. La Polizia locale di Pero non ha comminato alcuna multa, contrariamente a quanto si è scritto sulle pagine "Sei di Pero se…" e "Sei di Cerchiate se..." Il post pubblicato da un cittadino parlava di due ragazzi sorpresi dalla Polizia locale a spasso con il loro cane che, pur essendo al guinzaglio, non aveva la museruola. A quel punto, a detta di quanto si legge sulla pagina facebook, è scattato l’intervento della Polizia locale che avrebbe multato i giovani.

Ebbene, nulla di tutto questo corrisponde al vero. L’articolo 40 del Regolamento di Polizia Urbana riferisce che “i cani devono sempre essere condotti al guinzaglio e, se di taglia grossa o media o di indole mordace, anche muniti di museruola. Il guinzaglio deve essere di lunghezza adatta alla sicurezza dei cittadini e, comunque, di misura non superiore a mt. 1,50”. “Ancora una volta sui social viene diffusa una notizia falsa – commenta il Sindaco Maria Rosa Belotti – Il post in questione ha generato una polemica infinita con accuse e false affermazioni. Mi chiedo solo cosa spinga una persona a gettare fango inutilmente citando un fatto nemmeno accaduto”. Probabilmente si è trattato di un normalissimo controllo della Polizia locale, come giustamente ne avvengono tutti i giorni, al quale non ha fatto seguito la sanzione come da verifiche effettuate dall’ufficio competente. “Invito i cittadini a collaborare attivamente con la Polizia locale – continua il Sindaco – a segnalarci le cose che non vanno. Ma invito anche a non scendere al livello della bassa polemica sui social che diffonde soltanto odio e disinformazione. Ben venga il dialogo. Pubblicare qualcosa di non veritiero o diffamatorio sui social è gravissimo. La Polizia locale è a disposizione per qualsiasi chiarimento come lo siamo noi del Comune”.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (168 valutazioni)